Archivio degli autori admin

Amore romantico.

Perché oggi si ha paura dell’Amore romantico?

“L’amore romantico è un sentimento d’amore caratterizzato da forte piacere, frutto dell’attrazione nei confronti di un’altra persona.
Nel contesto delle relazioni di amore romantico il romanticismo implica di solito l’espressione del proprio sentimento o desiderio emotivo profondo di collegarsi intimamente a un’altra persona.

Storicamente il termine “storia d’amore” (romance) ha la sua origine con l’ideale cavalleresco medioevale così come viene indicato nella letteratura cavalleresca.
Gli esseri umani hanno una naturale inclinazione a formare legami con altri soggetti sia attraverso le interazioni sociali, sia tramite la comunicazione verbale o i gesti di comunicazione non verbale; con alcune persone queste interazioni possono estendersi oltre quello che si può intendere come un rapporto di amore platonico. Relazioni sentimentali positive sono parte fondante e cruciale del sistema sociale.”

#iosonounsognatore

Sogni.

Non basta aprire la finestra

Fernando Pessoa

Non basta aprire la finestra
per vedere la campagna e il fiume.
Non basta non essere ciechi
per vedere gli alberi e i fiori.
Bisogna anche non aver nessuna filosofia.
Con la filosofia non vi sono alberi:
vi sono solo idee.
Vi è soltanto ognuno di noi,
simile ad una spelonca.
C’è solo una finestra chiusa
e tutto il mondo fuori;
e un sogno di ciò che potrebbe esser visto
se la finestra si aprisse,
che mai è quello che si vede
quando la finestra si apre.

(Fernando António Nogueira Pessoa è stato un poeta, scrittore e aforista portoghese. È considerato uno dei maggiori poeti di lingua portoghese, e per il suo valore è comparato a Camões. Il critico letterario Harold Bloom lo definì, accanto a Pablo Neruda, il poeta più rappresentativo del XX secolo.)

Madre Teresa di Calcutta – Sogni.

“Non smettere mai di correre verso un traguardo, non smettere di essere te stesso, lotta sempre per ciò che desideri. Vivi per la tua vita, ama chi ti ama e aiuta quando puoi. Sogna sempre mete impossibili, regalati in ogni istante attimi di vita eterna e in tutto questo immenso vivere racchiudi la magia dell’amore.”
(Madre Teresa di Calcutta)

Riflessioni.

Alle volte la vita è come un pallone portato dal vento, non sa dove approderà, corre…corre…fino ad incontrare un ostacolo ed è lì che il pallone rimbalza affrontando finalmente il vento.

Araldo Gennaro Caparco

Sogni.

Diventiamo grandi grazie ai sogni.

Tutti i grandi uomini sono dei sognatori.

Vedono cose nella leggera foschia primaverile, o nel fuoco rosso della sera d’un lungo inverno.

Alcuni di noi lasciano morire questi grandi sogni, ma altri li nutrono e li proteggono; abbiatene cura nei giorni brutti affinchè portino il sole e la luce che viene sempre a chi spera col cuore che i propri sogni si avverino.

Woodrow Wilson.

(Thomas Woodrow Wilson, è stato un politico statunitense. È stato il 28º presidente degli Stati Uniti)

Sogni.

I declare after all there is no enjoyment like reading!

How much sooner one tires of any thing than of a book!

When I have a house of my own, I shall be miserable if I have not an excellent library.

 

Dichiaro che tutto sommato non c’è divertimento migliore che leggere!

Ci si stanca prima di qualsiasi cosa che di un libro!

Quando avrò una casa tutta mia, sarò triste se non avrò una biblioteca eccellente.

di Jane Austen

Sogni.

I sogni sono fatti di tanta fatica.

Forse, se cerchiamo di prendere delle scorciatoie,

perdiamo di vista la ragione

per cui abbiamo cominciato a sognare

e alla fine scopriamo

che il sogno non ci appartiene più.

Se ascoltiamo la saggezza del cuore

il tempo infallibile ci farà incontrare il

nostro destino.

Ricorda:

“Quando stai per rinunciare,

quando senti che la vita è stata

troppo dura con te,

ricordati chi sei.

Ricorda il tuo sogno”.

 

Sergio Bambarén da “Il delfino”

Sogni.

C’è nei sogni, specialmente in quelli generosi, una qualità impulsiva e compromettente che spesso travolge anche coloro che vorrebbero mantenerli confinati nel limbo innocuo della più inerte fantasia.

(Alberto Moravia)

Araldo, non sono uno scrittore ma solo un “sognatore”!

Il mio motto:

“Sono convinto che la migliore opportunità per essere felice è sognare!”

Quando si ha il “coraggio” di far conoscere i propri “sogni”, si aspettano riscontri… ma non sempre è così!

Ma sono convinto che:

  • la semplicità del racconto senza “camuffamenti letterali”;
  • le storie inedite;
  • la passione e l’amore con cui ho scritto i miei “romanzi spontanei sgrammaticati”.

prima o poi, verranno apprezzati così come lo sono già stati apprezzati da diverse persone.

Riporto un commento inviatomi da un persona dopo aver letto TESLA (uno dei miei racconti) nell’anno 2018, non viene menzionato il suo nominativo solo per una questione di riservatezza:

“28 aprile 2018

TESLA: Una storia d’azione continuata, senza un attimo di respiro dall’inizio alla fine,  se non per qualche fugace, timido tentativo ormonale di prendersi il suo spazio.

In effetti, il racconto è ben congegnato e si snoda essenzialmente in “ presa diretta” attraverso il fitto, realistico ed efficace  dialogo  fra i vari personaggi, cosicché il lettore ha sensazione d’essere lì presente, coinvolto  in esso.

Io risultato è che, presi dai continui colpi di scena  dell’avventurosa vicenda, tutto il contesto  fila via veloce, come il paesaggio dai finestrini di quelle auto sempre di corsa, dagli elicotteri che sorvolano tesori della natura..

Insomma, si può soltanto intuire  la bellezza del contesto paesaggistico, ambientale in cui si snoda il racconto: la terra albanese, la calabrese, la siciliana,   senza però possibilità di goderne  un attimo.

Tuttavia,  ciò non fa altro che caratterizzare fortemente il romanzo attribuendogli schiettezza di genere, senza pretesi camuffamenti letterari.

Perciò un prodotto DOCG!(Denominazione Origine Caparco Gennaro)”

Grazie al mio amico lettore, ora per allora per aver coniato questo acronimo da me molto gradito.

Araldo Gennaro Caparco

320 5305721

Sogni.

Il sogno è la strada maestra che conduce alla conoscenza dell’inconscio.

Freud